Paolo Ciafardini

Joined February 2017
  • Day2

    Competition and tours

    May 5, 2017 in Italy ⋅ ☀️ 20 °C

    È sempre agrodolce il sapore del sud e il fatto di essere in un'isola sicuramente accentua la percezione.
    Ammaliati e turbati perché abituati diversamente, ma parlando con la gente ti accorgi che, no solo i turisti hanno la stessa percezione, ma anche gli isolani non si discostano dal pensiero comune.

    I sardi sono gente calorosa, accogliente, ma di una generosità più di stampo famigliare che di stampo turistico. Risvegliano le sensazioni di quando vai a trovare i parenti, ma, in altre occasioni, ti lascia con la consapevolezza che non va bene così perché non sono tuoi parenti.

    C'è lo sforzo ma non sembra essere nel DNA, come invece lo è il classico orgoglio sardo. Quello è evidente, anche se non capisci come da tale orgoglio non sembrano scaturire risposte e progettualità convincenti.

    È contraddizione per noi del nord, magari meno orgogliosi ma più propostivi. Anche noi, probabilmente, siamo un puzzle complicato per loro. Abbiamo tanto in comune ma abbiamo anche tanto che differisce. Chissà....
    Read more

  • Explore, what other travelers do in:
  • Day1

    Day1

    May 4, 2017 in Italy ⋅ ☀️ 20 °C

    Descrivere la Sardegna per uno che non c'è mai stato non è impresa facile; si hanno idee, sensazioni e immagini come dovrebbe essere.
    Poi ci arrivi e scopri che non è proprio quello che credevi ed entri maggiormente dentro il paesaggio.
    Perché a questo punto devi comprenderla, o quanto meno averne un'idea meno sbagliata.

    Sai che è terra brulla, ma non ti rendi conto che è solo il colore a renderla tale. In realtà di linfa vitale ne scorre un fiume. E ti accorgi che, nella sua monotonia, il paesaggio è in realtà, sempre diverso. Ne apprezzi la regolarità delle colline chiedendoti se non nascondano qualcosa al loro interno e ne apprezzi le vette più frastagliate immaginando come potessero essere abitate.

    Vedi le pecore in giro ma di pastori neanche l'ombra. E la domanda che sorge spontanea ti fa chiedere come possano anche solo "stare" al loro posto.

    E vedi il pesce, che pensi si gettino letteralmente nelle reti, senza pensare che i sardi sono fenomeni con la carne ma che hanno imparato a "gestire" anche l'ambiente marino.

    Ti lasci ammaliare dalla case basse, dai negozi sparuti, dalle strade non pienamente asfaltate, apprezzando anche uno spostamento che, sulla terra ferma, verrebbe considerato folle per la sua durata, ma che qui serve solo a ricordare che la Sardegna c'è da molto tempo prima di noi e non apprezza il nostro correre.

    Esigente e rispettosa, ti guarda austera, ma ti lascia senza fiato.
    Read more

  • Day4

    Salerno

    April 25, 2017 in Italy ⋅ ☀️ 17 °C

    L'ultimo giorno è per la nostra ospite, modesta ma per scelta, non per mancanza di possibilità.
    Salerno è città dalle tante facce perché così è la gente che la abita: è la città della vita notturna cresciuta forse troppo rapidamente per le sue effettive possibilità, è la città dei vicoli nella parte vecchia e dei palazzi che meriterebbero più attenzione, ma è anche quella frenetica e rumorosa del corso principale.

    È città da vivere a piedi, anche se i salernitani non ne sarebbero così sicuri perché inerpicarsi sulle colline o discendere sul lungomare è anche, e soprattutto, questione di umore e di come si vuole affrontare la giornata.

    Salerno metafora della vita? Forse azzardato, ma passare dai calmi e quieti giardini di Minerva sorseggiando una tisana, alle scene da film del traffico cittadino, per finire alla stazione marittima firmata dalla grandissima Zaha Hadid è davvero esperienza che abbraccia il nostro complesso universo sensoriale.
    Mettiamoci anche una brioche ripiena di gelato e un frittino per non farci mancare nulla.
    Mettiamoci pure un commerciante capace di vendere anche sua mamma e che ti incontra il giorno dopo e ti saluta come se fossi il suo migliore amico e non puoi non restarne affascinato.

    Ok...da turisti si è sempre più sensibili e attenti, ma preferisco portarmi a casa questo tipo di esperienze e di ricordi e preferisco scriverli per ricordarmi che, in fondo, noi italiani siamo tutti del sud!!!
    Read more

  • Day3

    La costa

    April 24, 2017 in Italy ⋅ ⛅ 17 °C

    Un paio di giorni sono sufficienti per capire come funzionano le cose: sai che ti devi buttare per attraversare la strada, sai che devi fermarti a chiacchierare con tutti quelli che ti si avvicinano e sai che gli orari sono lì solo per dovere.

    Il concetto di tempo è quello più interessante. Non puoi farci affidamento come faresti in qualsiasi altro luogo della terra e poco conta avere un Rolex o l'ultimo modello di Apple Watch.

    5 traghetti presi in un giorno e solo uno è effettivamente partito quando doveva. Intendiamoci, due erano in anticipo, ma di un anticipo talmente clamoroso che posso solo immaginare il disastro interiore che avrei avuto se solo ne avessi perso uno.
    Io che pianifico al minuto!!!

    Ma qui accetti e vai avanti. Almeno la costiera è talmente grandiosa che ti convince facilmente che tutto andrà bene, anche rimanere bloccati per un paio d'ore in più.

    Ci si lascia accarezzare dal vento mentre i paesi si susseguono veloci; si guarda la vivace Amalfi o la più sofisticata Positano. Si ricorda il passato che, in fondo, doveva essere fatto di voci e rumori non così dissimili e ci si lascia trasportare in conversazioni solo per il gusto di farlo e di sentirsi un po' meno freddi.
    Read more

  • Day2

    Pompei

    April 23, 2017 in Italy ⋅ ⛅ 15 °C

    Si torna indietro, 2000 anni circa, per quel tipo di eventi che rimangono nei secoli e che, in un alche modo, fanno volare la fantasia. Pompei è turismo, di quello tragico, che in fondo esisteva ben prima delle nostre recenti tragedie.
    Ma Pompei è anche immaginazione; perché camminare tra cardi e decumani dai sassi arrotondati è un po' entrare in quel mondo dove il marmo risplendeva e dove il Vesuvio, ogni tanto imbiancato, faceva da sfondo.

    Ci si ritrova al foro per le "vasche" quotidiane e al mercato per un po' di shopping. Ci si ritrova alle terme per discutere al riparo da occhi e orecchie indiscrete e magari a teatro per un po' di relax.
    La vita non era così diversa se avevi la fortuna di non nascere schiavo.

    Pompei adesso è invasa da turisti di ogni nazione perché universale è il suo richiamo. E, ammetto, con un pizzico di piacere, non è neanche così turistica come mi aspettavo. Certo, non manca il buon savoir faire napoletano, ma a gente cresciuta con il Vesuvio rombante alle spalle bisogna, forse, concedere qualcosa che ai normali cittadini non concederesti.
    Ringraziamo, allora, 2000 anni dopo i cittadini di Pompei, anche i napoletani che, noncuranti di tutto, continuano a portare il loro "marmo" alle pendici del Vulcano, con la speranza di continuare ad ammirarlo e rispettarlo come tanti prima di loro.
    Read more

  • Day1

    In treno

    April 22, 2017 in Italy ⋅ ☀️ 14 °C

    Si viaggia, tutti, insieme, verso il sud. Si va per diverse ragioni, ma gli accenti tradiscono "case" di paesi lontani. Si legge, si gioca, i più fortunati dormono e alcuni programmano i prossimi figli.
    C'è ancora spazio per le famiglie, ma d'altronde si va al sud. Il senso di marcia fa sempre la differenza.
    Scommetto sin da ora che al ritorno si parlerà di affari perché al nord è tutto business, anche programmare un figlio.
    Il display dice 294km/h e dal finestrino il paesaggio si fa sempre più campano. Prossima fermata Napoli, ma noi andiamo ancora più a sud.
    Attendiamo la pizza, e il pesce fresco, perché al nord noi cerchiamo questo. Viaggiamo per stereotipi e accettiamo il caos in cambio di una pizza come si deve. Aspettiamo la sfogliatina e i babà ben sapendo che il prezzo da pagare sarà alto: la nostra integrità mentale!!!
    Ma ben venga il sud, che, come una di quelle cure che non ci piacciono ma che dobbiamo fare, ci farà, una volta rientrati e finalmente guariti, sorridere un po' di più!!!
    Read more

  • Day1

    Montefiore sull'Aso

    February 12, 2017 in Italy ⋅ ☀️ 8 °C

    Si ritorna nelle Marche; altra terra e altri stili. 200km lontano eppure anni luce lontano.
    Il tempo si dilata, così come gli spazi. Senti ancora racconti di vicinato, dove è la persona che fa la differenza non il prodotto.

    Vedi vitigni a perdita d'occhio e spiagge che attendono ansiose il loro momento per farsi belle. Anche i treni non vogliono perdersi nulla e hanno deciso di andare al mare e di lambirlo fino a quasi toccarlo.

    I cani corrono, contenti del loro angolo di paradiso. Sono in attesa di un bastone che vola e di una carezza per la loro promessa di fedeltà.

    La vista si apre, si allarga verso spazi a cui non si è abituati.
    Ora si torna a luoghi più usuali. Sento il treno andare, rivolto contro il senso di marcia. Che non voglia andarmene?

    Torniamo in Emilia ma, una volta tanto, 10 minuti di ritardo non sarebbero una maledizione.
    Read more

Never miss updates of Paolo Ciafardini with our app:

FindPenguins for iOS FindPenguins for Android