France
Le Mont-Saint-Michel

Discover travel destinations of travelers writing a travel journal on FindPenguins.

39 travelers at this place

  • Day43

    Day trip to Mont St Michel

    August 1, 2019 in France ⋅ ☁️ 17 °C

    Today we took the bus for a half day visit to Mont St Michel (2.5 million visitors a year) and tackled the crowds to explore this incredible UNESCO listed island abbey rising up out of the water/sand flats, depending on the huge tides.Read more

  • Day4

    4. Etappe - Le Mont-Saint-Michel

    August 19, 2020 in France ⋅ 🌧 18 °C

    Eigentlich wollten wir heute schon früh weiterfahren. Aber der Morgen begann so wie der Abend aufgehört hat. Regen, Regen und Regen. Da wir unser Zelt nicht nass ins Auto einräumen wollten, entschlossen wir uns abzuwarten bis es aufhört zu regnen. Also verlegten wir unser Frühstück kurzerhand ins Zelt. Leider hörte es nicht auf zu regnen, sodass wir schließlich doch alles nass einpacken mussten. C'est la vie. Für Camping-Neulinge haben wir uns unserer Meinung nach ganz gut geschlagen 😝

    Unsere heutige Etappe führte uns zum Le Mont-Saint-Michel. Auf dem Weg dorthin legten wir noch einen Zwischenstopp an einem Picknickplatz ein um unser Zelt zu trocknen. Gegen 17 Uhr sind wir in unserer heutigen Unterkunft in unmittelbarer Nähe zum Le Mont-Saint-Michel angekommen. Ein sogenanntes "chambre d'hotes" auf einem alten Bauernhof. Die Gastgeberin war wirklich sehr nett und mit einem Mix aus französisch und englisch konnten wir uns einigermaßen verständigen. Wir bekamen auch noch einen tollen Tipp von ihr für eine Nachttour in Le Mont-Saint-Michel.

    Wir sind dann auch direkt los zum nächstgelegenen Parkplatz. Von dort aus sind ca 3 km zu Fuß bis zur Abtei. Auf dem Weg dorthin wurden wir Zeugen des spektakulären Tidenhubs. In der Bucht rund um Le Mont-Saint-Michel herrschen die stärksten Gezeiten Europas. Binnen einer halben Stunde war Le Mont-Saint-Michel komplett von Wasser umgeben. Ein unglaubliches Schauspiel. Und dazu noch die im Hintergrund aus dem Meer herausragende Abtei. Unglaublich beeindruckend. Mit Einbruch der Dunkelheit begann auch die Nachttour durch die Abtei. Ein französischer Künstler hat hier sehr gekonnt Lichtilluminationen installiert. Wir waren wirklich sehr begeistert. Nach dem 3 km Rückmarsch fielen wir schließlich erschöpft ins Bett.
    Read more

  • Day14

    Mont Saint Michel

    June 4, 2019 in France ⋅ ⛅ 19 °C

    A long but scenic drive from Paris, avoiding the autoroutes and driving through rich green farming country and lovely little towns built of stone. Our accommodation looks straight out towards Mont Saint Michel. We had dinner at a lovely restaurant out on the Mont.Read more

  • Day2

    Mont St Michel

    August 7, 2019 in France ⋅ ⛅ 20 °C

    This has to be one of the highlights of the trip so far. Such a magical island full of history and very Hogwarts-esque. The light show in the abbey in the evening was really good - culminating with a mesmerical projection show in the abbey church itselfRead more

  • Day429

    Day 430: Mont San Michel

    April 20, 2018 in France ⋅ ☀️ 20 °C

    Off and out nice and early, time to see Mont San Michel, one of the most famous sights in France outside of Paris! In a nice touch, we'd realised they offer a kennel service - dogs are allowed on the island but not in the abbey (which is the main sight), but not allowed on the shuttle buses that take you to the island (which means you have to walk the couple of kilometres out there).

    But we dropped Schnitzel in the kennel, where he seemed happy enough. Got the bus out to the island and started filming. It's very impressive, and you can really see how it's been built up over the centuries - the abbey on top is from the 11th century. We wandered around the few streets (it has a permanent population of 44), climbed around the walls, then went up to the abbey.

    It's not the most impressive abbey we've been inside over the last year and a bit, but certainly one of the most impressive technical achievements! We spent about an hour here exploring and filming, then headed back down into the town.

    As you'd expect, almost all of the buildings are now expensive shops and comically overpriced restaurants (even the takeaway restaurants were double the usual price), so we hopped back on the shuttle around 1pm and picked up Schnitzel. He was happy to be out of the kennel, but it was really nice of them to have that facility available. There were signs in the carpark warning that they will break windows to free overheating pets on hot days, so it makes sense.

    We headed back into the village near our B&B and had regular priced sandwiches from the boulangerie, then headed home for the afternoon. I did some work and Shandos had a nap!
    Read more

  • Day5

    Le-Mont-Saint-Michel: Abbazia, ingresso

    October 17, 2018 in France ⋅ ☁️ 11 °C

    L’abbazia di Mont Saint Michel è situata sulla sommità di una piccola isola rocciosa presso la costa settentrionale della Francia. L’isolotto ha un diametro di circa 960 m e una superficie di circa 280 ettari. La roccia si alza dal mare di 92 metri ma con la statua di San Michele, collocata in cima alla guglia della chiesa abbaziale, raggiunge l’altitudine di 170 metri.
    Una delle peculiarità che rendono famosa abbazia ed isola è la veloce escursione delle maree che in passato coprivano la strada per raggiungere l’isola nella notte.
    Le maree e le sabbie mobili della baia hanno contribuito all’inespugnabilità del monte, rendendolo accessibile al minimo della bassa marea (via terra) o al massimo dell’alta marea (via mare).
    La leggenda di Mont Saint MichelNei millenni l’isola è stata prediletta come santuario anche in epoca precristiana, i celti e poi i romani lo utilizzavano per uffici religiosi. Nel IV secolo circa il cristianesimo fece la sua comparsa nella regione dell’Armorica e un primo oratorio dedicato a Santo Stefano sorse a mezza altezza del monte, a cui ne seguì un secondo in onore di San Fiorano ai piedi della roccia.
    La leggenda racconta che l’arcangelo Michele nel 709 apparve al vescovo di Avranches chiedendo che gli fosse costruita una chiesa sulla roccia. Il vescovo ignorò tuttavia per due volte la richiesta finché San Michele non gli bruciò il cranio con un foro rotondo provocato dal tocco del suo dito, lasciandolo tuttavia in vita. Il cranio di Sant’Auberto con il foro è conservato nella cattedrale di Avranches. Il monte cambiò quindi nome in Mont-Saint-Michel-au-péril-de-la-Mer.
    Un’altra leggenda racconta che esisterebbe una “linea energetica” in collegamento tra Mont Saint Michel, la Sacra di San Michele in Val di susa e Monte Sant’Angelo sul Gargano.

    L’abbazia benedettina
    I conti di Rouen, poi duchi di Normandia, dotarono riccamente i religiosi che le precedenti incursioni dei Normanni avevano fatto fuggire. Mont Saint Michel aveva inoltre acquisito valore strategico con l’annessione al ducato di Normandia della penisola del Cotentin nel 933, venendosi a trovare al confine con il ducato di Bretagna.
    Il duca Riccardo I (943-996) nel corso dei suoi pellegrinaggi al santuario rimase indignato dal lassismo dei canonici, che delegavano il culto a clerici salariati, e ottenne dal papa Giovanni XIII una bolla che gli dava l’autorità di riportare l’ordine nel monastero e fondò una nuova abbazia benedettina nel 966, con monaci provenienti da Saint Wandrille.
    La ricchezza e la potenza di questa abbazia e il suo prestigio come centro di pellegrinaggio durarono fino al periodo della riforma protestante. Un villaggio si sviluppò ai piedi del santuario per dare accoglienza ai pellegrini. L’abbazia continuò a ricevere doni dai duchi di Normandia e quindi dai re di Francia.
    Durante la guerra dei Cent’anni l’abbazia si fortificò contro gli Inglesi con una nuova cinta muraria che circondò anche la cittadina sottostante. L’abbazia benedettina fu edificata a partire dal X secolo con parti giustapposte che si sono sovrapposte le une alle altre negli stili che vanno dal carolingio al romanico al gotico flamboyant. I diversi edifici necessari alle attività del monastero benedettino sono stati inseriti nello spazio angusto a disposizione.
    L’insieme della Merveille, situato immediatamente a nord della chiesa abbaziale, comprende il chiostro, il refettorio, una sala di lavoro e l’elemosineria con dispensa in un perfetto esempio di integrazione funzionale. Allo stesso modo le costruzioni della Belle-Chaise e degli alloggiamenti integrano le funzioni amministrative dell’abbazia con le funzioni cultuali.

    Notre-Dame Sous-Terre
    La primitiva chiesa abbaziale, costruita al momento della fondazione benedettina nel 966, fu in seguito interamente inglobata nei successivi ingrandimenti dell’abbazia. Altre costruzioni abbaziali sorsero ad est della chiesa originaria, sulla sommità della roccia e ad un livello superiore.

    Mont Saint Michel nel XI secolo
    A causa dell’intensificarsi dei pellegrinaggi si decise di ingrandire l’abbazia edificando una nuova chiesa al posto di altre costruzioni abbaziali, che furono spostate a nord della chiesa primitiva di Notre-Dame-Sous-Terre.
    La nuova chiesa aveva tre cripte, ossia la cappella dei Trenta Ceri a nord, la cripta del coro ad est e la cappella di San Martino (1031-1047) a sud. L’edificazione della navata fu iniziata dall’abate Ranulphe nel 1060.
    Nel 1080 tre piani di edifici conventuali erano stati edificati al nord della chiesa primitiva, comprendendo la sala dell’Aquilone, che serviva per l’accoglienza dei pellegrini, la passeggiata dei monaci e il dormitorio. Furono inoltre iniziate l’elemosineria e la dispensa della futura Merveille. La chiesa primitiva di Notre-Dame-Sous-Terre, completamente inglobata nelle nuove costruzioni, era tuttavia ancora utilizzata per il culto.

    Mont Saint Michel nel XII secolo
    Le tre campate occidentali della navata della nuova chiesa, poco solidamente costruite, crollarono sugli edifici conventuali nel 1103. La ricostruzione avvenne sotto l’abate Roger II (1115-1125). L’abate Robert de Torigni (1154-1186) fece edificare a ovest e sud-ovest un nuovo insieme di edifici conventuali, che comprendevano nuovi alloggiamenti, un’infermeria e la cappella di Santo Stefano. Rimaneggiò inoltre i camminamenti che portavano a Notre-Dame-Sous-Terre con lo scopo di evitare i contatti tra monaci e pellegrini.

    Mont Saint Michel nel XIII secolo
    L’abate Raoul-des-Îles (1212-1218) edificò sull’elemosineria di Roger II la Sala degli Ospiti, il Refettorio , al di sopra della dispensa la Sala dei Cavalieri (1220-1225) e il chiostro, che costituiscono il complesso detto la Merveille (“Meraviglia”).
    Sotto l’abate Richard Turstin (1236-1264) viene costruita ad est la Sala delle Guardie, che diventerà il nuovo ingresso dell’abbazia e una nuova sala di giustizia, che costituiscono l’insieme della Belle-Chaise.

    Mont Saint Michel tra XIV e XVI secolo
    Sotto l’abate Pierre Le Roy (1386-1410) si completarono le fortificazioni: verso il 1393 furono edificate le due torri del Châtelet e successivamente la Tour Perrine e la Bailliverie. Furono inoltre costruiti gli appartamenti dell’abate. Nel 1421 crollò il coro romanico della chiesa abbaziale, che venne ricostruito in due fasi (1446-1450 e 1499-1523) in stile gotico flamboyant.

    Mont Saint Michel nel XVIII secolo
    In seguito ad un incendio nel 1776 si decise di demolire le tre campate occidentali della chiesa abbaziale e nel 1780 fu edificata la nuova facciata in stile neoclassico, le cui fondazioni tagliarono a metà la sottostante chiesa primitiva di Notre-Dame-Sous-Terre.
    Read more

  • Day5

    Le-Mont-Saint-Michel: La Merveille

    October 17, 2018 in France ⋅ ☁️ 12 °C

    L’insieme della Merveille, situato immediatamente a nord della chiesa abbaziale, comprende il chiostro, il refettorio, una sala di lavoro e l’elemosineria con dispensa in un perfetto esempio di integrazione funzionale. Allo stesso modo le costruzioni della Belle-Chaise e degli alloggiamenti integrano le funzioni amministrative dell’abbazia con le funzioni cultuali.
    L'abate Raoul-des-Îles (1212-1218) iniziò la costruzione del complesso detto la Merveille("Meraviglia"), situato immediatamente a nord della chiesa abbaziale. Infatti, edificò sull'elemosineria di Roger II la Sala degli Ospiti (1215-1217) e il Refettorio (1217-1220), e al di sopra della dispensa la Sala dei Cavalieri (1220-1225) e il Chiostro (1225-1228).
    Read more

  • Day12

    Le mont saint Michel by night

    September 26, 2018 in France ⋅ 🌙 15 °C

    Après un resto avec Thierry et Isa qui nous ont rejoint en milieu d'après-midi, nous nous sommes baladé dans les rues et sur les remparts de nuit.
    Rentrée en vélo par la suite pour rejoindre la voiture...Read more

You might also know this place by the following names:

Le Mont-Saint-Michel