Montenegro
Perast

Here you’ll find travel reports about Perast. Discover travel destinations in Montenegro of travelers writing a travel blog on FindPenguins.

13 travelers at this place:

  • Day332

    Perast

    November 28, 2018 in Montenegro ⋅ 🌬 13 °C

    A small town of Perast in vicinity of Kotor, home to 350 people, that was built more than X centuries ago. When all tourists leave, and rain gives way to the sun, the magnificence of the place might outshine any other Old Town in Adriatic Sea

  • Day4

    Perasto

    August 23, 2017 in Montenegro ⋅ ☀️ 27 °C

    Ai piedi del monte Sveti Ilija (823m),di fronte allo Stretto delle Catene (Verige) nel punto in cui si separano i golfi di Cattaro e di Risan, si trova la cittadina di Perast.
    E'il più antico insediamento umano,a quanto è dato di sapere,sulle sponde Delle Bocche di Cattaro. Sono venuti alla luce i resti della cultura neolitica (3500anni a.C.) e numerosi altri giacimenti archeologici che stanno a testimoniare la presenza di insediamenti dell'uomo dai periodi illirico e romanofino a quello paleocristiano e fino ai giorni nostri. Perast ottenne il suo definitivo aspetto architettonico di città nel corso dei secoli diciassettesimo e diciottesimo. Oggi ci si presenta come uno degli esemplari più belli di architettura barocca sulla sponda adriatica,e nonostante i fondamentali, originari valori ambientali della cittadina abbiano subito profonde ferite nel corso di una lunga agonia economica, in seguito alla costruzione della strada sul lungomare e talvolta, per colpa di rozzi interventi operati ai danni degli antichi palazzi e torrioni.Read more

  • Day4

    Perasto: Isola Madonna dello Scalpello

    August 23, 2017 in Montenegro ⋅ ☀️ 27 °C

    Stando ad un’antica tradizione, la costruzione della chiesa della Madonna dello Scarpello risale al 22 luglio 1452.
    Ancora oggi i Perastini ricordano quel giorno, con una semplice ma suggestiva cerimonia: ogni 22 luglio tutti le imbarcazioni di Perast, colme di sassi e legate le une alle altre per mantenere l’ordine della processione, scivolano sul mare, spinte col ritmo solenne dei remi, lungo la costa, avviandosi verso l’isolettadella Madonna.
    Questa commovente processione, straordinaria nella sua semplicità, rievoca un secolare e faticoso processo di edificazione dell’isola in onore della Madonna da parte dei marinai, nel mezzo di quel labirinto di golfi, stretti e canali che sono le Bocche di Cattaro, proprio di fronte a Perast.
    Il tempo ha avvolto tutto nella leggenda, e ciò che fu, appunto, opera di decenni e di secoli, diventa nella leggenda opera di un giorno con una data precisa indicata per celebrare la nascita di un’isola, unica al mondo, frutto di un voto.
    Mentre la non lontana isola di San Giorgio, che ospita un’abbazia benedettina, è interamente opera della natura, nel punto in cui sorge l’attuale isola artificiale delle Madonna c’era una nuda secca rocciosa detta “Scarpel”, nome che la gente dava e tuttora dà ad ogni forma rocciosa emersa o sommersa del medesimo massiccio sottomarino.
    L’ammasso di pietre all’inizio della costruzione avvenne intorno all’originaria punta emergente, nel punto in cui oggi è situato l’altar maggiore della chiesa. Di qui derivò alla nuova isoletta il nome slavo di Škrpjel.
    La chiesa originaria, consacrata come l’attuale all’Assunzione di Maria, fu costruita verso la metà del XV secolo ed era di modeste dimensioni, anche perché lo scoglio sul quale poggiava era ancora ristretto. Col passare dei secoli, continuando l’opera di arginamento e riempimento con pietre e velieri in disarmo che venivano affondati, la superficie dell’Isola si ampliò gradualmente, e quindi fu possibile procedere a più ardite imprese architettoniche. Fino all’anno 1603 vennero affondate non meno di un centinaio di navi.
    L’attuale complesso risale in gran parte a un periodo successivo al 1666, considerato il fatto che il santuario fu distrutto dal terremoto che in quell’anno distrusse anche la città di Dubrovnik. Sul muro della casa del custode è visibile la linea delle distruzioni causate da quel sisma, e proprio in quel punto debole della struttura si produsse una nuova lesione anche nel terremoto del 1979.
    IL corpus rettangolare della chiesa, alla quale si appoggia la casa del custode, è di belle e semplici proporzioni, e soltanto nella fattura dei dettagli evidenzia i propri legami con il barocco, stile che caratterizza molti palazzi dell’epoca.
    In seguito, con la costruzione della cappella presbiteriale e del campanile, la chiesa assunse un aspetto decisamente barocco. Si sa con certezza che la cappella presbiteriale venne eretta tra il 1720 e il 1725 da un maestro locale.
    Il campanile rotondo, unico nel suo genere per la sua forma, deve probabilmente la sua architettura alla funzione difensiva che rivestiva. La sacralità dell’isola della Madonna fu nei secoli per i Bocchesi la migliore garanzia di poter risolvere in pace, all’ombra del santuario, le loro contese locali. Per questo motivo venne eretta la “sala”: in quello spazio le parti in lite trovavano soluzioni eque alle contese senza doversi rivolgere ai tribunali veneziani.
    Read more

You might also know this place by the following names:

Perast, Пераст, پراست, Perastas

Join us:

FindPenguins for iOS FindPenguins for Android

Sign up now