August 2019
  • Day31

    Mumbai - Italia

    September 12, 2019 in India ⋅ 🌧 27 °C

    Abbiamo capito che l'India del sud è l'india dravidica , l'India piu integra e più legata alle divinità. Quella dove i segni del passato sono più evidenti e dove la millenaria cultura e le storie mitologiche di eroi e divinità impongono la loro presenza costantemente. Per questo l'India del sud è la terra degli DeiRead more

  • Explore, what other travelers do in:
  • Day30

    Mumbai L'interno del Taj Mahal

    September 11, 2019 in India ⋅ 🌧 29 °C

    L'interno del Taj Mahal è a dir poco straordinario, si narra che fu fatto costruire dall'industriale Tata dopo che gli era stato rifiutato l'ingresso in uno degli alberghi europei della città in quanto nativo parsi.seguaci dell'antica fede di Zoroastro che scappò dall'Iran nel X secolo per sfuggire alle persecuzioni mussulmane. La città senza confini vive il grande contrasto tra grande modernità e passato incombente, tra grande ricchezza ed estrema povertà. A Mumbai esiste la più grande baraccopoli di tutta l'asia. Ormai la margilita' di Mumbai ha trovato una sua collocazione e ha smesso di essere marginalità. Fulcro di una realtà altra , non ufficiale, non censita , destabilizzante, inesistente per gli uffici statistici della città, ma una realtà altra che punta i piedi in un sistema sociale antico, radicato difficilmente attaccabile. È una parte dell'India e non si possono chiudere gli occhi per non venderla. E soprattutto non si possono non vedere il suo milione di persone che lavora e si guadagna da vivere , il suo migliore che non ha molto ma che altrove non avrebbe nulla.Read more

  • Day29

    Mumbai Victoria Terminus

    September 10, 2019 in India ⋅ ⛅ 29 °C

    Il più esuberante edificio in stile gotico di tutta Mumbai, del 1888 che assomiglia di più ad una cattedrale che a una stazione ferroviaria. l'opera mirava a celebrare con estro eccezionale l'importanza della ferrovia presso gli inglesi e di conseguenza l'idea del progresso mto in voga alla fine del XIX secolo . Di fronte si erge il palazzo della Municipal Corporation disegnato dallo stesso architetto nel 1893. Giro nel bazar delle gioiellerie viviamo un po' la vera vita di Mumbai. Piccola pasticceria tipicamente indiana, Ale fa il carico. Cena al Lepold Cafe'Read more

  • Day29

    Mumbai Maharaj Museum

    September 10, 2019 in India ⋅ 🌧 29 °C

    È il museo più grande di Mumbai ospita collezioni di oggetti provenienti da tutta l'India. E' allestito all'interno di un un'imponente edificio sormontato da una cupola..Ci colpiscono molto per la bellezza dei pannelli del 700 a.c. e raffiguravano la battaglia assiro babilonesi.Read more

  • Day29

    Mumbay

    September 10, 2019 in India ⋅ 🌧 27 °C

    Mumbay è la grande metropoli indiana, la porta sud del subcontinente.. Quando arriviamo l'odore del monsone ci salta addosso, usciti dagli accoglienti saloni dell'aeroporto gelidi per l'aria condizionata, percorriamo i marciapiedi gonfi di umidità e assistiamo ad uno scroscio d'acqua davvero sconcertante, ma con il monsone basta aspettare un pochino e la vita ricomincia. Il monsone è davvero il respiro dell'India. Capitale dello Stato del Maharashtra, seconda città dell'India per dimensioni e fra le città più densamente abitate al mondo. È una penisola composta da tante isole e lingue di terra bonificate, è lunga (circa 50 km) e stretta ( da 2 a 20 km). A Mumbay vicino oltre 15 milioni di abitanti. È un formicaio infinito dove la gente si muove a qualsiasi ora del giorno e della notte, con ogni mezzo di trasporto da nord a sud e da sud a nord su due strade (o quasi) . Capiamo per la prima con la trasferta dall'aeroporto all'albergo, circa 20 km in un'ora e trenta cosa sia il vero traffico indiano. Con il processo di comprensione delle proprie origini e della propria identità avviato nel XX secolo il popolo indiano ha voluto restituire i nomi originari ai luoghi, e di conseguenza molte città indiane hanno ripreso i nomi che avevano prima dell'arrivo dei portoghesi o degli inglesi Bombay (buona baia) è tornata ad essere Mumbai (grande madre). Riusciamo a trovare dopo un mese di viaggio una bella pasticceria, Le folie gestita da un ragazzo che ha fatto un'esperienza di sette anni in Francia per imparare l'arte dolciaria una calamita ci porta dentro ed è veramente un tripudio di sapori.Read more

  • Day28

    Mumbai

    September 9, 2019 in India ⋅ 🌧 27 °C

    E' una città recente e la visita dei suoi luoghi storici si concentra nell'area del vecchio porto e nei quartieri edificati dagli inglesi dal XVIII al XX secolo nella punta meridionale della penisola dove sorgono i quartieri di Fort, Colaba, cuore all'Inghilterra di Buona Baia e Malabar Hill, quartiere residenziale di ville e giardini pensili. Iniziamo la visita dal Gateway of India , centro storico dell'antica Bombay inglese. consiste in un arco trionfale risalente al 1911 costruito per celebrare la visita di re Giorgio V d'Inghilterra e di sia moglie , era la porta d'ingresso degli inglesi. Di fronte si erge il Taj Mahal Palace edificato nel 1903 in stile Indo saraceno secondo il desiderio del potente commerciante, fondatore dell'impero economico della famiglia Tata, fu il primo Grand Hotel dell'India . Fu' il primo edificio inizia a dotarsi di elettricità non solo nelle stanze degli ospiti ma anche nelle lavanderie, negli ascensori e nei bagni. Ha sempre ospitato i più importanti personaggi del mondo. L'immagine del fumo che si innalza dall'hotel divenne il simbolo degli attentati terroristici del 2008 quando decine di persone vennero uccise e gran parte dell'edificio danneggiato. Noi dormiamo in un albergo proprio dietro al Taj Mahal, non è proprio la stessa cosa ma ci accontentiamo il Regent Hotel, deve essere di proprietà di qualche arabo perché bivaccano nella hall tutto il tempo , vestiti con i loro lunghi abiti bianchi. Per pranzo, andiamo al Samrat dove assaggiamo il loro famoso thali del Gujarat un trionfo di sapori e consistenze, dolce e speziato davvero eccellente, alla sera invece abbiamo voglia di cambiare un po' e prenotiamo al Burma Burma un elegante ristorante che propone la cucina del Myanmar. e ci lanciamo a scegliere i nostri piatti preferiti l'insalata con le foglie di te' , i noodles insaporiti nel brodo con latte di cocco, cipolla croccante , noccioline. Ci divertiamo a ripensare al nostro meraviglioso viaggio, un pezzetto del nostro cuoricino sicuramente è là, forse perché è stata la prima vera esperienza fuori dall'Europa tutti insieme o forse i colori della Birmania o la gente o la sua magia non so di preciso cosa sia ma qualcosa c'è sicuramente.Read more

  • Day27

    Anegundi

    September 8, 2019 in India ⋅ ☁️ 25 °C

    Ceniamo ancora dal nostro amico, una sera la cena è a lume di candela, perche' con qualche goccia di pioggia il sistema elettrico di Hampi Bazar salta e i negozi, i ristoranti rimangono illuminati solo da lampadine caricate a batteria, Gigiotto non ha neppure quelle quindi rimaniamo tutta la sera a lume di candela . In entrambe le sera ci viene a trovare un'amica la sacra mucca indiana che si affaccia con il suo testone dentro il locale aspettando rispettosa di ricevere un cetriolo e una volta soddisfatta indietreggia con eleganza e si allontana con garbo. Il giorno seguente Giggiotto si è addormentato e per colazione ci tocca andare al Old Chilly Out, per noi troppo turistico, Partiamo con i motorini per Anegundi a 30 km di distanza , il paesaggio colorato di terrazzamenti di risaie e' bellissimo, dopo un trekking un po' forzato sopra le rocce chiediamo un lunch un po' tardi al resort e ci accolgono a braccia aperte, lasciandoci di stucco per l'ottimo cibo vegetariano, riso, melanzane, lenticchie, yogurt, noccioline con chilly. alla fine come sempre nei nostri viaggi la parte culinaria è fondamentale, scegliere il posto giusto , che sia piu casalingo che turistico, assaggiare gusti nuovi , condividere tra di noi piatti diversi ci piace tantissimo. Raggiungiamo Hubli con il treno prenotiamo la terza classe con a/c, subito rimaniamo un po disorientati perché gli scompartimenti sono tutte cuccette, dove alcune persone sono ancora sdraiate poi con il nostro arrivo scombussoliamo un po la quiete e vengono ricomposti i vari sedili, alla fine nella da invidiare ai fantastici treni italiani. Ci facciamo accompagnare nel ristorante solo vegetariano dove già avevamo mangiato con Shekar e oziamo nella piscina dell'albergo aspettando il volo per Mumbay alle 7,20 di mattina.Read more

  • Day27

    Bagno della regina

    September 8, 2019 in India ⋅ ☁️ 23 °C

    Pranziamo all'Heritage Hampi Resort, ormai abituati ai nostri baracchini veramente indiani, rimaniamo abbastanza delusi del pranzo secondo noi troppo occidentalizzato. Loro ne approfittano di un tavolo da ping pong e io mi rilasso su un lettino in piscina. Finiamo di visitare il Bagno della regina costruzione che nasconde balconi, corridoi, cupole decorate con dettagli stilistici di scuola islamica che circondano una grande vasca monumentale a cielo aperto, anticamente usata come complesso termale dall'imperatore. Poco più avanti visitiamo la piattaforma di Mahanavami veniva utilizzata dal sovrano per assistere alle parate militari, alle sfilate di animali musicisti e ballerine.Read more

  • Day25

    Vithala Svami Mandir

    September 6, 2019 in India ⋅ ☁️ 26 °C

    Imponente struttura le cui mura di fortificazione disposte su una pianta rettangolare misurano 100 per 165 metri, il perimetro del recinto è interamente circondato da portici con pilastri di granito . Risale al X secolo ed ampliato successivamente nel XVI secolo. Più che davanti ad un tempio ci si trova di fronte ad una città sacra di oltre un ettaro e mezzo di estensione. Famoso è il Carro di pietra che rappresenta i normali carri processuali lignei con le quali trasportavano le divinità durante le cerimonie religiose, appare come una struttura monolitica in realtà è formato da molti blocchi di granito, assemblati con assoluta precisione, che nascondono le giunture.Read more

  • Day25

    Lotus Mahal e le Stalle degli Elefanti

    September 6, 2019 in India ⋅ ☁️ 26 °C

    Colazione da Gigiotto e via con i nostri motorini a visitare il sito archeologico, iniziamo con il Lotus Mahal del XVI secolo, l'edificio a due piani era destinato alla socialità delle donne della famiglia reale, a differenza delle altre costruzioni è costruito in mattoni e argilla, con archi e balconi in stile islamico. Al di la delle mura ci troviamo di fronte le stalle degli elefanti 11 stanze molto grandi sormontate da cupole che ospitavano gli elefanti del re.Read more