Slovenia
Bukovje

Discover travel destinations of travelers writing a travel journal on FindPenguins.

26 travelers at this place

  • Day14

    + Burg Predjama +

    July 6, 2019 in Slovenia ⋅ ⛅ 24 °C

    Eine Reise ins tiefe Mittelalter 😊 in die märchenhafte Welt der Ritter. In der 123 Meter hohen senkrechten Felsenwand thront ein über 800 Jahre altes uneinnehmbares mittelalterliches Wunder. Hinter der größten Höhlenburg der Welt befindet sich ein Geflecht von geheimen Gängen, von denen aus sich der Ritter Erasmus von Predjama auf seine Raubüberfälle begab.

    Eine der fantastischsten Burgen auf unserem Planeten 🤟

    👶👩🏼🧒🏼♥️
    Read more

  • Day13

    Burg Pretjama

    September 3, 2019 in Slovenia ⋅ ⛅ 18 °C

    Heute haben wir das letzte offizielle Ausflugsziel besichtigt. Eine Burg die direkt in den Fels gebaut wurde.

  • Day6

    Höhlenburg Predjama

    August 29, 2019 in Slovenia ⋅ ⛅ 25 °C

    Nach der Höhle Postojna waren wir noch bei der zweiten großen Sehenswürdigkeit von Slowenien: Der Höhlenburg Predjama.

    Mit einem Shuttelbus sind wir von der Höhle zur Burg gefahren, haben uns am Eingang einen Audioguide geschnappt und sind los gegangen.

    Die Struktur der Burg zusammen mit dem Felsen war wirklich faszinierend anzuschauen. Vor allem der älteste Teil der Burg der komplett in der Höhle liegt.
    Alles in allem wirklich einen Besuch wert!
    Read more

  • Day11

    Postojna Castle feat. Monty

    December 23, 2019 in Slovenia ⋅ ☁️ 8 °C

    Impressive castle at the top of the cave network.
    And Monty!

  • Day243

    Light as leaf on Linden Tree

    June 27, 2019 in Slovenia ⋅ ☀️ 27 °C

    Since pre-Celtic days the sacred Linden tree has been associated with eternal life, through its association with Kresnik, the sun god. During medieval times every castle, city, town, village, & hamlet had a tree under which business was conducted; for it was impossible to tell a lie whilst seated under the bough of the tree. Even now in Slovenia the Linden or Lime ( lipa in Slovene,) tree has a special judicial prerogative and is the national symbol.

    So it will not surprise you to discover that this particular tree, next to the Church of Our Lady of Sorrows, was planted by a young village lass over the grave of her beloved. Girls love a badass and this he, Erasmus, certainly was; the robber Baron of Predjama castle. He met his untimely end after surviving a year long siege of his castle before betrayal by a fed-up - or maybe not so fed up after a year locked up - servant who signalled the enemy gunners with a candle lit in Erasmus' bedroom window which they duly aimed at and blew the room apart.

    Heeding the advice of the lady in the Tourist Information centre I did not pay to see inside the house, or the cave, or the small little museum for the reduced price combo ticket at 45 Euro was a little too steep given the lack of anything substantial to gape at. The 'treasure trove' found buried under the floor of one room comprised a few small silver tumblers and a couple of silver candle-sticks for the glimpse of which I was happy to pay the municipal elections museum 3 Euros. And I got a fascinating explanation of the karst region in Slovenia, its myriad caves and the lifestyles of its inhabitants.
    Read more

  • Day3

    Predjamski Grad

    September 1, 2018 in Slovenia ⋅ 🌧 15 °C

    Predjamski Grad heißt „Burg vor der Höhle“. Eigentlich ist die Höhle ein Teil der Burg oder umgekehrt. Das frühe Aufstehen hat sich gelohnt. Wir waren fast die Ersten an der Burg und konnten uns in Ruhe umschauen und den Geschichten vom Raubritter Erasmus lauschen, die uns der Audioguide erzählt hat.Read more

  • Day2

    Il castello di grotta

    April 23, 2019 in Slovenia ⋅ 🌧 9 °C

    Il castello di Predjama (o Castel Lunghi in italiano) è il castello di grotta più grande del mondo. In effetti fa particolarmente impressione anche quando lo si guarda dal di fuori, perchè sembra inserito nella spaccatura della montagna in modo così perfetto da chiedersi come abbiano fatto!

    Abbiamo preso le audioguide - gratuite e fondamentali per potersi godere davvero bene il castello - e siamo entrati. La prima cosa che ci colpisce è il fatto che il castello e la grotta si completano a vicenda, tanto che in alcuni punti non si riesce a capire dove inizi uno e finisca l'altra. Durante la visita scopriamo anche la storia di Erasmo di Predjama, una specie di Robin Hood sloveno che si era rifugiato qui dopo aver ucciso in duello una persona vicina all'imperatore d'Austria, che per punirlo dell'affronto decise di assediarlo. Questo castello però è così fuso con la grotta carsica alle sue spalle che attraverso i passaggi nella montagna Erasmo riusciva ad uscire nella valle parallela a quella di Predjama e a non soffrire la fame... anzi, spesso inviava cibo come segno di scherno a chi lo assediava! In più il fatto che è così legato alla roccia carsica della grotta alle sue spalle fa sì che sia pieno di passaggi segreti, cunicoli e pertugi... veramente un castello da leggenda!
    Una delle piccole cose belle del castello è la piccola campana in cima alla struttura, nel sottotetto. Ovviamente nell'antichità si usava per dare l'allarme in caso di attacco... ma ora si dice che se la si fa suonare mentre si esprime un desiderio con tutta la propria forza, il suo rintocco ha il potere di renderlo realtà! Noi quattro l'abbiamo fatta tintinnare tutti, ma da quando abbiamo scoperto questo dettaglio mi veniva da sorridere ogni volta che la sentivo suonare, anche solo in lontananza!

    La visita è stata molto semplice e bella, piena di informazioni su come si viveva nel medioevo e capace di farci intuire solo in parte quanto buio, umido e freddo doveva essere questo castello quando è stato costruito! Alcune modifiche fatte (i doppi muri per isolare il freddo, le scanalature per raccogliere l'acqua) fanno notare anche quanto siano stati ingegnosi, brillanti e attenti a tutto i nostri antenati... non come noi che quando non va una roba la buttiamo via e ne compriamo una nuova!

    Ma la parte più emozionante arriva proprio quando la visita sembra finita: alle spalle del castello costruito, infatti, sorge una vera e propria caverna in cui gli abitanti potevano rifugiarsi come ultima difesa. C'è spazio per un focolare, ampie spaccature per ricevere aria e sole... e perfino una cisterna che raccoglie da secoli l'acqua che trasuda dalle cavità carsiche in un pozzo talmente inespugnabile da essere impossibile da avvelenare, garantendo sempre acqua fresca e pulita!

    La leggenda di Erasmo ha una conclusione molto triste: un servo traditore infatti segnalò agli assedianti che se l'avessero colpito alla latrina sarebbero riusciti ad ucciderlo... (che morte di merda! ndTutti)
    In sua memoria la sua fidanzata piantò un tiglio sulla sua tomba, proprio accanto alla chiesetta che si vede dal castello... il tiglio è ancora lì, sopravvissuto ad un incendio, un fulmine e a secoli e secoli di tempo. Il giusto tocco romantico che mancava! 💕
    Read more

You might also know this place by the following names:

Bukovje

Join us:

FindPenguins for iOSFindPenguins for Android

Sign up now