Poland
Warsaw

Here you’ll find travel reports about Warsaw. Discover travel destinations in Poland of travelers writing a travel blog on FindPenguins.

49 travelers at this place:

  • Day181

    Warsaw (Day 1)

    September 18, 2015 in Poland ⋅

    Day 1 in Warsaw we spend at the beautiful "Kazienki Park"- the summer residence of the last king of Poland. Known for his many love affairs, his "mistress house" is very conveniently located only several hundred meters from the main palace! The park is beautiful and we end up spending a lot of time trying to entice the friendly red squirrels to eat out of our hand.. they weren't too interested when they found out we were offering banana and leftover sandwich though!

    Off for a wander through Old Town next.. although Old Town is not actually that old.. approximately 85% of it (and the rest of Warsaw) had to be rebuilt following the "Warsaw Uprising" in 1944 (more on this later). It is very well done and very beautiful though.. having restored all the original architecture. When we look closely we think we can see some bulletholes in walls the original buildings.. could just be drill holes though! The sunset lights up the old town in a spectacular fashion, and we are even treated with a rainbow appearing above the square!

    Getting hungry now we head to the Polish restaurant "Zapiecek" to sample some local fair. Its a chain restaurant, but very traditional and highly recommended. We were not disappointed! We tried the local dish "Bigos"- a stew type thing with meat, sauerkraut and mushrooms.. it comes with a shot of Vodka as an aperitif! And of course we had to sample a variety of "Pierogi"- Polish dumplings. The mushroom ones were our favorite. And all of this washed down with a giant glass of Sangria and 4 shots of vodka- blue Curacao-lemon cocktails. All this for less than $40aud for the whole meal... Loving Poland so far!
    Read more

  • Day1

    Day 1 Warsaw

    August 3, 2018 in Poland ⋅ ⛅ 30 °C

    Time for a new trip: This time to the Baltic states and additional Warsaw! Marcel joined me and we drove to Memmingen airport to find out that the flight to Warsaw was late for 2:15 hours. We decided to have something to eat in the meantime until I checked the flight status again and luckily it changed to 15 minutes delay which was great. After the arrival we had a hassle to get another bus ticket to reach the city. Finally we arrived at the palace of culture which is a quite impressive relict of the Soviet time. We walked to our hostel and afterwards we explored the neighbourhood which consisted almost only of banks and businesses - okay for one night. At least we found a small shop which sold beer. Later we went back to the hostel and slept. This night Warsaw was only a stopover!Read more

  • Day8

    Day 8 Warsaw

    August 10, 2018 in Poland ⋅ ☀️ 30 °C

    It was time to leave Vilnius and therefore we got up very early to reach the airport. We flew to Warsaw - the last stop on our trip :-) When we arrived we checked our apartment and were shocked! It was really small and didn't even have a proper bed and sheets!!! :-( it seemed to be a leftover from the former Soviet Union, maybe it was a live museum ^^. We decided to find another flat and found one some kilometres away from the old town. We rested in the Lazienki park for a while and called an Uber to get there. The new flat was great in comparison, luckily. After some time we walked to the old town. It is really beautiful, but crowded with tourists. Therefore we went on to an area above the river Weichsel to drink a beer. Afterwards we had dinner, piroggi and a rye soup - very tasty. We left the old town and walked back to our flat, quite a long walk as we noticed then.Read more

  • Day20

    Warszawa 2

    September 2, 2016 in Poland ⋅

    (TESSA) We slept in, checked out and strolled the Old Town. We stopped to share huge German-style meals that had the look, but not the taste of Germany. We toured a cathedral and joined the audience of an organ music concert within it. I'm so very glad we went in because it had my favorite stained glass windows of the whole trip. Check out the mermaid!
    We visited the reconstructed Palace, made possible through hard work and donations of the polish people.
    We were ripped off by a cab driver on the way to Warszawa Centralna (the central train station). We had gotten too comfortable and trusting having had so many good experiences. ‘Always agree on the fare before entering the cab.’ Indeed.
    We boarded a train in the early evening. With no wifi, we chatted, looked out the window, read and learned some basic Russian. Spack-coin-a-noi-cha (Goodnight in Russian, the Aussie way).
    Read more

  • Day5

    Kulturpalast und HRC

    May 11, 2018 in Poland ⋅

    Mit dem Bus in die Stadt zur Station Central, dort steht der Kulturpalast, das höchstee Gebäude Polens mit 237 Meter. Ein Geschenk der russischen Republik. Direkt daneben das HardRockCafe, unser Pin geholt und im Untergeschoss eine beeindruckende Wand mit vielen Gitarrenkorpus. Dann auf den 30th floor gefahren mit fantastischer Aussicht. 1,7 mio Menschen leben hier und eine Skyline wie in Frankfurt.Read more

  • Day61

    Warschau für Warmduscherinnen

    August 30, 2018 in Poland ⋅ ☀️ 23 °C

    Warschau hat uns nicht losgelassen. Wir hatten einfach zu viel zu tun :) Donnerstag Abend sind wir angekommen und haben den Abend mit unseren Gastgebenden (die wir über warm showers gefunden hatten) verbracht. Die beiden haben uns nicht nur ihr Wohnzimmer zur Verfügung gestellt sondern auch eine Ladung Pirogi und Wein. Freitag waren wir in der Stadt und haben uns nachmittags dort mit unserem Gastgeber getroffen. Er hat uns noch die Partymeile an der Weichsel gezeigt, war allerdings weniger aktiv als wir und so saßen wir dann kurz nach unserer Mittagspause auch schon mit einem Bier am Fluss. Abends hatten wir dann auch schon wieder Freizeitstress - wir waren mit den Leuten, die wir in Augustow kennengelernt hatten zum Essen verabredet. Einer von ihnen lud uns auch gleich für Sonntag zum Kaffee zu sich nach Hause ein. Samstag konnten wir unserem Sightseeing-Drang dann auch nur eingeschränkt nachgehen, da wir unserem Gastgeber zugesagt hatten, mit ihm auf einen Flohmarkt und in seinen Garten zu gehen. Das war auch alles sehr spannend, das Museum über den Warschauer Aufstand jedoch noch viel mehr. Abends waren wir mit unseren Warmduschies zum Shanty-Konzert verabredet. Leider hatten wir jedoch alle nicht damit gerechnet, dass am 1.9. die Band nur nationalpatriotische Lieder, z.B. über den Warschauer Aufstand, spielen würde. Das war schon eine sehr interessante Veranstaltung, wobei uns trotz einigem Nachfragen immer noch nicht klar ist, wie nationalistisch und politisch rechts so etwas tatsächlich ist. Am Sonntag zogen wir dann in ein Hostel um, um näher an der Stadt und freier von Schlüsselabsprachen zu sein. Nach einer sehr interessanten und bewegenden Stadtführung über das jüdische Leben in Warschau aßen wir mit zwei lustigen und spannenden Leuten aus Fidschi Mittag. Danach noch kurz durch die Stadt gelaufen und schon ging es zu unserer Kaffee-Verabredung in den Süden der Stadt. Dort besuchten wir unseren neuen Freund, seine Familie und seine ca. 20.000 Bienen. Zum krönenden Abschluss des Tages sahen wir dann noch ein Open air Konzert von Ara Malikian (ein Violinist mit seiner Band). Wie schon in Vilnius gönnten wir uns noch eine zweite Stadtführung (die alternative Walkingtour). Danach legten wir erstmal eine ca. 3-stündige Pause in einem Straßenrestaurant in Praga ein, denn das Leben als Touri ist manchmal echt anstrengend! So wurden aus den geplanten 3 gleich 5 sehr abwechslungsreiche Tage.Read more

  • Day2

    Warschau

    September 28, 2014 in Poland ⋅

    In Warschau hatte ich dann einen Tag, um an ein Busticket nach Klaipeda zu kommen. Dass es den Bus gibt, konnte ich vorher rausfinden, ein Ticket gab es aber nur vor Ort. Das war kein Problem und so hatte ich noch Zeit für eine Free Walking Tour.
    Die Geschichte von Polen und Warschau ist, wie vielleicht bekannt, recht wechselhaft und den Staat als solchen gibt es noch gar nicht so lange. Auch ging es am Geburtshaus von Marie Curie vorbei.Read more

  • Day10

    Sächsischer Garten

    May 27, 2017 in Poland ⋅

    Dann geht's los, diesmal zu Fuß, wir sind ja schließlich nicht zum Vergnügen hier :-)

    Zuerst durch den Sächsischen Garten, wo früher das barocke Königsschloß stand, zum Grabmal des unbekannten Soldaten mit Ehrenwache.

    Der davorliegende Pilsudski-Platz erinnert uns mal wieder an die Plaza de la Revolucion - willkommen im (ehemaligen) Sozialismus :-)Read more

  • Day1

    Volo + Prima Giornata A Varsavia

    November 16, 2018 in Poland ⋅ ⛅ 3 °C

    Partiti da Lamezia non nego di aver sofferto un po' il volo. Per me 2h30min sono davvero troppi e gli ultimi minuti mi stavo davvero sentendo male. Nel sedile davanti a me una coppia anziana dormiva l'uno sulla spalla dell'altro ricordandomi che magari c'è speranza a questo mondo. Io ho provato a riposare ma sono rimasto in uno stato di dormiveglia perenne sicuramente non riposante. Di fianco a me un giovane padre polacco giocava con la sua piccolina; una bimba con gli occhi azzurri davvero dolce e bellissima.
    Arrivati a destinazione abbiamo fatto un piccolo cambio monetario, che definirei usuraio: all'aereoporto il tasso era davvero poco favorevole con un rapporto di 1 a 3.40 piuttosto che 4.20.
    Pazienza non sono venuto qui per pensare ai fogliettini colorati.
    Dall'aereoporto abbiamo preso un autobus che ci ha portato fino al centro dove abbiamo mangiato velocemente in un fast food e dove nelle vicinanze abbiamo cambiato 150€ in Zloty polacchi. Trovare l'albergo non è stato facile in quanto Google Maps ci ha un po' fuorviato e chiedere ai locali non è molto facile.
    Piccola parentesi. Qui sono tutti di fretta, probabilmente per il freddo che ti entra dentro le ossa e quindi camminare è l'unica soluzione, oppure semplicemente il gelido carattere nordico si mischia ai veloci ritmi di una vita metropolitana.
    Le ragazze, banale dirlo, sono bellissime, alta e bionde.
    Sembrano tutte fatte con lo stampo e mi ricordano, non so bene il motivo, Cara Delavigne mentre altre, soprattutto per il profilo e i capelli hanno qualcosa di Giulia.
    L'albergo è veramente una bomboniera e, dato il luogo e i prezzi del momento, vale ogni centesimo speso.
    Siamo al 12esimo piano e la vista non è male.
    Mi metterei sulla sedia tutta la notte a vedere l'infinito urbano che si estende all'orizzonte.
    Dopo il mare di nuvole del volo aereo adesso ho un mare di civiltà a perdita d'occhio.
    Ho scritto a Daniela oggi; non so perché...ma avrei voluto fosse qui. Che stia nascendo qualcosa in me?
    Sarebbe grave e lei non si merita di avermi come problema.
    In seguito siamo stati alla ricerca del centro storico ma senza successo; ci riproveremo domani quando saremo freschi e riposati e le fatiche del viaggio saranno attenuate.
    Per far questo avremo bisogno di un biglietto per i mezzi pubblici davvero speciale che ci farà prendere a tutti noi qualsiasi veicolo fino alla nostra partenza per la misera cifra di 10 Zloty a testa. Peccato che abbiamo dovuto fare una fila interminabile per ottenerlo; poco male ho fatto un po' di 'people watching' e ho notato con stupore e meraviglia come due giovani sconosciuti si possano incontrare e flirtare spudoratamente al giorno d'oggi. È stata una cosa molto interessante soprattutto vedere come gli occhi di lei scrutavano lui.
    Non abbiamo visto poi molto oggi, ma dopo avere preso qualche stuzzichino di fortuna in un market aperto H24 siamo andati a cenare in un ristorante tipico polacco Zapiecek, dove le cameriere volenti o nolenti erano costrette a indossare come uniforme un vestito tradizione del paese.
    Per quanto possa essere bello e caratteristico, e al rischio di risultare noioso, non riesco ad accettare in pieno questa banalizzazione della dignità femminile come se tutti e tutte fossero su un palcoscenico a dare spettacolo.
    E così dopo un'abbuffata di Pierogi ed un litro di birra sono nel mio letto a scrivere questi ricordi.
    Accanto a me ho Maurizio che russa, ma per quanto mi riguarda non è un problema e non ho intenzione di farglielo pesare.
    Chissà cosa ci riserverà il domani..
    Ma ora è tardi ed è tempo di recuperare le energie..
    Read more

  • Day2

    Palazzo Reale + Parco Lazienki

    November 17, 2018 in Poland ⋅ ☀️ 3 °C

    La notte in Albergo ( Hampton HIlton Hotel) è stata positiva; ho dormito abbastanza bene nonostante il sole alle 7 di mattina abbia fatto irruzione dalle tende che avevo dimenticato di tirare. La colazione, compresa nel prezzo, era davvero ricca e variegata e sicuramente io ne ho usufruito in minima parte.
    Per le 10 ci siamo diretti in città dove ad attenderci, onnipresente, abbiamo trovato il freddo gelido continentale che per noi è praticamente una novità.
    Mi chiedo come facciano gli autoctoni a resistere in Gennaio o Febbraio quando le temperature scenderanno ulteriormente.
    Il nostro primo obiettivo è stato quello di trovare la città vecchia e la Piazza del Popolo (Stare Miasto) e fortunatamente ci siamo arrivati abbastanza celermente usando i mezzi pubblici: questi, non mi stancherò mai di dirlo, sono davvero efficienti, puntuali e ben riscaldati.
    La famosa piazza, che non era poi così distante dal luogo in cui abbiamo mangiato ieri sera, è abbastanza caratteristica ed è attorniata da palazzi con stile che un profano ed ignorante come me definirebbe 'russo'.
    Qui, dopo qualche minuto di shopping sporadico dei miei compagni di viaggio, abbiamo visitato il Palazzo reale, museo veramente valido con i cimeli dei regnanti del passato.
    Credo, però, che per apprezzarlo davvero avremmo dovuto spendere molto più tempo ed usufruire dell'audioguida disponibile o perlomeno informarsi prima della partenza delle opera d'arte presenti e della loro storia.
    È stata quindi una visione fugace, inesperta, forse un'occasione sprecata: ma per chi non è proprio un amante dell'arte è difficile organizzarsi meglio.
    Usciti dal palazzo, dove abbiamo incontrato davvero tanti italiani, ci siamo ritrovati ancora una volta tra le strade del centro storico. Tra i vicoli stretti e ciottolosi, leggermente affollati dai turisti, siamo arrivati al Barbacane e successivamente in una seconda piazza dove al centro, tra evidenti lavori di ristrutturazione, si ergeva la famosa statua della sirenetta.
    Non ho potuto fare foto soddisfacenti perché la GoPRo ha un obiettivo troppo grandangolare mentre il mio telefono ha una fotocamera davvero ridicola.
    Tutto intorno alle transenne di ristrutturazione nascevano piccoli chioschetti dove la gente si riunisce a bere qualcosa di caldo. Qui Maurizio ha preso una sorta di vino bollente misto a cannella, che non mi ispirava per niente ma che a parer suo era davvero buono.
    Tornando nella piazza principale, che nel frattempo si era riempita tra turisti, gente locale e artisti, abbiamo fatto qualche foto ricordo con lo stadio Nazionale che si vedeva sullo sfondo in lontananza.
    Successivamente abbiamo iniziato un'epopea infinita per cercare l'autobus giusto che ci portasse al Parco Lazienki e, dopo qualche tentativo andato male dove la flatulenza di Massimo l'ha fatta da padrone, siamo riusciti a prendere un autobus verso sud e a raggiungere quest'imponente oasi di verde nel grigiore invernale della città.
    Non nego di provare un po' di invidia per gli abitanti di Varsavia che ogni giorno possono godere di questo immenso "spettacolo" in cui correre, sedersi in mezzo alla natura o semplicemente ritrovarsi.
    Messina non possiede un luogo del genere e le zone verdi sono praticamente inesistenti.
    Nel parco abbiamo visto molti monumenti interessanti, anche se di sfuggita, come il palazzo sul lago o un caratteristico anfiteatro all'aperto.
    Deve essere proprio un bel luogo per uno bello spettacolo.
    Spettacolo improvvisato è stato, invece, quello che si è palesato davanti ai nostri occhi quando un gruppo di ragazze di una scuola di ballo ha iniziato a ballare la samba davanti a tutti. Inutile dire che abbiamo iniziato ad avere gli occhi fuori dalle orbite per cotanta bellezza: in particolare Maurizio che, improvvisandosi paparazzo, ha eseguito uno 'scatto rubato" di quello che a Messina verrebbe detto "Aàaun panaro esagerato' di una delle ballerine.
    Questo passerà alla storia come il momento in cui è iniziata la ricerca di Maurizio di foto della fauna locale per completare il suo calendario 2019 delle bellezze polacche.
    Successivamente, tornando verso l'albergo, ci siamo fermati a pranzare (per modo di dire, erano le 3) in un locale che faceva Kebab. La comunicazione con gli addetti non è stata facile perché ognuno di noi non capiva bene il menù e il nostro inglese è davvero deficitario. Alla fine, però, con un po' di aiuto da parte mia, siamo riusciti ad intenderci e ad ordinare un Kebab che era davvero davvero enorme.
    Anche se non ricordo il costo preciso, posso confermare che non era caro.
    Mentre ci godevamo il nostro pranzo, una giovane ragazza bionda si è seduta da sola al tavolo di fianco.
    Ho iniziato come mio solito ad immaginare quali problemi avesse, se stesse soffrendo per amore, se non stesse riuscendo al stare al passo con gli esami.
    Fatto sta che era lì, triste e solitaria, e già sapevo che nella mia testa sarebbe diventata un'altra di quelle persone che incrocio solo una volta nella vita e di cui, un po' per convenzioni sociali (non posso certo importunare ogni sconosciuto che vorrei conoscere) e un po' per paura e pigrizia, non avrei mai conosciuto la storia o la personalità.
    Dopo pranzo siamo tornati in Hotel, dove mi sono appisolato in attesa di uscire nuovamente.
    Uscita che è avvenuta per le 19.00 dopo essermi riscaldato con una lunga doccia calda e rilassante.
    Abbiamo visitato Zara ed il centro commerciale vicino al palazzo della cultura: non abbiamo comprato niente, Chiara non ha trovato la gonna che cercava.
    Il centro commerciale non è grandissimo ma ai miei occhi di piccolo provinciale italiano sembrava un luogo pieno di vita e ben curato. Il giorno dopo ci saremmo tornati,e con nostra sorpresa, avremmo scoperto che tutti i negozi non riguardanti la ristorazione sarebbero stati chiusi.
    Per un turista forse non è il massimo, ma penso che sia giusto che i lavoratori riposino, non come qui che veniamo miseramente sfruttati e sottopagati.
    Successivamente abbiamo soddisfatto il desiderio di Gaia di andare da Starbucks.
    Non abbiamo dovuto fare molta strada, poiché il locale si trovava proprio aldilà del sottopassaggio.
    Qui, io e Maurizio abbiamo preso un cioccolata calda piena di panna. Era la mia prima volta da Starbucks, nonostante si tratti di un caffè molto famoso, e sono rimasto molto sorpreso dalla bontà della cioccolata e dal senso di pienezza che questa mi ha dato.
    In seguito è iniziata la nostra epopea per arrivare al di là del fiume e cercare di visitare il 'Quartiere Praga', un luogo a detta di Massimo pieno di vita, artisti e ristoranti.
    Bene, grazie ad una linea tranviaria perfetta, al di là del fiume ci siamo arrivati, ma di questo quartiere Praga pieno di vita neanche l'ombra.
    Per meglio dire, secondo i cartelli e Google Maps eravamo nel posto giusto, ma tutto intorno solo strade buie e deserte.
    Sicuramente eravamo vicini alla meta, ma per evitare problemi (non si sa mai di notte, avevamo Gaia con noi) abbiamo rinunciato e con la linea 25 siamo tornati indietro verso Stare Miasto, il quartiere antico. Qui, nella piazza notturna, maestosa ma intima, una coppia di spagnoli ci ha fatto la gentilezza di farci una foto con una 'scultura' mobile riguardante il centenario dell'indipendenza polacca, o almeno credo.
    Con loro ho scambiato due semplici parole in spagnolo, e nella mia testa sembravo di nuovo in cammino.
    Successivamente abbiamo fatto qualche giro tra i vicoli adiacenti alla piazza ed in un piccolo negozietto ho comprato le cartoline da spedire ai miei amici del cammino di Santiago.
    Trovare un posto per mangiare non è stato facile e alla fine ci siamo fermati e seduti nel locale adiacente al primo Zapiecek dove ieri sera non abbiamo trovato posto.
    Qui abbiamo mangiato la zapiekanka, un panino condito aperto e tostato tipico della tradizione polacca.
    Non ricordo esattamente che sapore avesse, credo che per gustarla meglio avrei dovuto mangiarne diverse varietà e forse fare più attenzione al gusto.
    Siamo stati seduti in questo fast food per un po' e in seguito ci siamo diretti verso l'albergo facendo, nel mentre, una visita all'Hard Rock vicino al centro commerciale ma senza bere niente data l'ora tarda. Infatti, la verità è che ho solamente usufruito del bagno mentre Maurizio stava guardando qualche maglietta (purtroppo costosa per me) da regalare ai suoi figli.
    Arrivati in albergo, mi sono messo a scrivere qualche riga su questa giornata in attesa che il sonno mi cullasse e mi facesse riprendere l'energie per l'indomani; l'ultima nostra giornata a Varsavia.
    Read more

You might also know this place by the following names:

Warsaw, Warschau, Warskou, ዋርሶው, وارسو, ܘܪܣܘ, Варшава, Varsovia, Varšava, Varsòvia, Warszawa, Βαρσοβία, Varsovio, Varssavi, Barsobia, ورشو, Varsova, Varsovie, Vársá, Varsovia - Warszawa, ורשה, Waršawa, Varsó, Վարշավա, WAW, Warsawa, Varsjá, Varsavia, ワルシャワ, ვარშავა, 바르샤바, Varšuva, वॉर्सो, Varsavja, Варшавæ, Varsóvia, Varșovia, Varshava, วอร์ซอ, Varşova, ۋارشاۋا, װאַרשע, 华沙

Join us:

FindPenguins for iOS FindPenguins for Android

Sign up now